SicilyOnTour.com - Itinerari alla Scoperta della Sicilia

pixel
  SicilyOnTour.com Home Page Tutti gli Itinerari di SicilyOnTour.com Contattaci  

SicilyOnTour.com Italian Version of WebSite

SicilyOnTour.com English Version of WebSite

 
 

 

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

 
 
Home Page Castelli Medievali Parchi Letterari Arti e Tradizioni Riserve Naturali Parchi Archeologici Tutti gli Itinerari
 
 
Itinerari e Luoghi da Scoprire
  Itinerari nelle Province Siciliane
Agrigento Palermo
Caltanissetta Ragusa
Catania Siracusa
Enna Trapani
Messina
   Principali Itinerari Turistici Siciliani

Itinerario dei Castelli Medievali di Sicilia

Nati per difendere, oggi fortezze che conquistano con la loro bellezza...

Itinerario dei Parchi Letterari di Sicilia

La magia della Sicilia nelle pagine dei siciliani...

Itinerario delle Arti e Tradizioni Popolari

Scrigni preziosi per conservare profonde radici...

Itinerario Naturalistico, Parchi e Riserve

Là, dove gli Dei vivevano aggirandosi come uomini...

Itinerario Storico Archeologico

Qui la storia millenaria dell'isola sembra parlare direttamente...

Tutti gli Itinerari >>

SicilyOnTour.com Partnership

Prestiti Personali

Con Finatel fino a 50.000 €. Supertasso. Zero Spese. Esito Immediato.

Finanziamenti

Aliprestito ti finanzia subito fino a 75.000 €. Scopri Come!

Inserisci il tuo Link qui!

ITINERARIO NATURALISTICO DI SICILIA
Home Page > Oasi e Riserve Naturali > Itinerario:
Gole dell'Alcantara Riserva Isola Bella Parco dell'Etna
R.N.O. di Pantalica Oasi di Vendicari Riserva Fiume Irminio
Le 7 Riserve del Nisseno Isola di Pantelleria Riserva dello Zingaro
Bosco Della Ficuzza Parco Madonie Laghi di Enna
Oasi del Simeto
R.N.O. Pino d'Aleppo
Isola di Ustica
Parco dei Nebrodi
:: Riserva Naturale Orientata "Isola Bella"

<<< segue

Nonostante la continua e numerosa presenza dell’uomo nella baia, anche qui troviamo interessanti specie di uccelli, il Tuffetto, Tachybaptus ruficollis; il Cormorano, Phalacrocorax carbo e l’Airone cenerino, Ardea cinirea che a differenza dei precedenti preferiscono, o meglio riescono a soffermarsi lungo la costa soltanto per brevi soste durante le battute di caccia. Ed infine, anche la vegetazione, arbustiva ed arborea, offre riparo a centinaia di uccelli, fra i quali: la Ghiandaia marina, Coracias garrulus; l’Upupa, Upupa epops e la Civetta, Athene noctua; e uccelli di più piccola dimensione come il Cardellino, Carduelis carduelis; la ballerina bianca, Motacilla alba alba e la Cinciarella, Parus caeruleus.

Oltre agli uccelli, anche i mammiferi popolano la Riserva, come i pipistrelli che trovano riparo all’interno di alcune grotte e cavità . Rettili ed insetti sono fra i più numerosi abitanti della Riserva; in particolare vi è sull’isola una lucertola dalla variopinta livrea, il cui ventre è di colore rosso, più o meno intenso in relazione ai mesi in cui si osserva. Studi non recenti la indicano come specie endemica, Podarcis sicula medemi, della quale sarà necessario verificarne l’”autenticità”.

La Flora

E’ presente in maniera atipica, per una Riserva Naturale, in quanto alla spontanea macchia mediterranea, soprattutto in Zona “A”, si alterna una consociazione di tipo esotico, con la Strelitzia gigante, Stelitzia augusta; il Sangue di dragone, Dracena draco; le Cycas, Cycas revoluta; si tratta comunque, di essenze provenienti da paesi in cui insiste il clima mediterraneo, tali piante trovano infatti sull’isola le condizioni idonee per crescere rigogliose e sostituire, spesso, le essenze originali fra le quali il lentisco, Pistacea lentiscus; l’Euforbia arborea, Euphorbia dendroides e l’Alaterno, Rhamnus alaternus; questa sostituzione fu operata indubbiamente per un interesse estetico-ornamentale. Infine, una porzione del Capo Sant’Andrea fu interessata da un’opera di rimboschimento del Corpo Forestale.

A contribuire ulteriormente alla riduzione dell’area occupata dalle specie spontanee furono i ripetuti incendi, responsabili del degrado ambientale: pochissime sono le specie in grado di insediarsi e sfruttare il particolare substrato di questi terreni.

Nonostante tutto, molte delle specie presenti all’interno della Riserva sono di rilevante importanza, in particolar modo le essenze delle rupi, luoghi in cui difficili risultano gli interventi antropici. Qui si contano, infatti, un interessante numero di specie rare ed addirittura alcuni endemismi come il Cavolo bianco, Brassica incana; il Limonio ionico, Limonium ionicum e non ultimo il Fiordaliso di Taormina, Centaurea tauromenitana.

Il Mare

Il mare non rientra nel territorio di gestione della Riserva, pur essendone parte integrante. Offre ospitalità ad una miriade di variopinti organismi, dalle alghe che arricchiscono i fondali a tutti gli esseri che fra esse trovano ricovero e cibo. Interessanti sono gli incontri in cui ci si imbatte se si prova a curiosare al di sotto della superficie. A qualche centimetro di profondità si possono vedere decine di piccoli animali, fra cui crostacei, molluschi e pesci di scogliera, intenti a brulicare tra le alghe in cerca di cibo. Con l’ausilio di maschera e pinne, spingendosi a pochi metri di profondità, numerosi pesci si esibiscono in evoluzioni di gruppo che lasciano con “il fiato sospeso”, mostrando i loro colori accentuati dai riflessi della luce del sole.

Spingendosi ancora oltre, con qualche colpo di pinna in più, si nota il diminuire della vegetazione, a causa della minore quantità di luce presente. Anche qui comunque non mancano suggestivi incontri; questa volta, bisogna guardare in prossimità degli anfratti o delle zone d’ombra, dove è facile imbattersi in pesci o molluschi di taglie decisamente più interessanti, intenti di solito a sorvegliare l’ingresso della propria tana o appostati in attesa di una preda.

Infine, quando l’ossigeno a nostra disposizione sta per esaurirsi, costretti a ritornare in superficie, lungo la risalita siamo ancora in tempo per osservare, aiutati dalla luce che filtra, una infinità di minuscoli esseri che si lasciano trasportare dalle correnti, solitamente trasparenti o dai colori iridescenti.

 
 

Home Page | Partnership | Scambio Links | Contattaci | English Version | SEO-Map