SicilyOnTour.com - Itinerari alla Scoperta della Sicilia

pixel
  SicilyOnTour.com Home Page Tutti gli Itinerari di SicilyOnTour.com Contattaci  

SicilyOnTour.com Italian Version of WebSite

SicilyOnTour.com English Version of WebSite

 
 

 

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

 
 
Home Page Castelli Medievali Parchi Letterari Arti e Tradizioni Riserve Naturali Parchi Archeologici Tutti gli Itinerari
 
 
Itinerari e Luoghi da Scoprire
  Itinerari nelle Province Siciliane
Agrigento Palermo
Caltanissetta Ragusa
Catania Siracusa
Enna Trapani
Messina
   Principali Itinerari Turistici Siciliani

Itinerario dei Castelli Medievali di Sicilia

Nati per difendere, oggi fortezze che conquistano con la loro bellezza...

Itinerario dei Parchi Letterari di Sicilia

La magia della Sicilia nelle pagine dei siciliani...

Itinerario delle Arti e Tradizioni Popolari

Scrigni preziosi per conservare profonde radici...

Itinerario Naturalistico, Parchi e Riserve

Là, dove gli Dei vivevano aggirandosi come uomini...

Itinerario Storico Archeologico

Qui la storia millenaria dell'isola sembra parlare direttamente...

Tutti gli Itinerari >>

SicilyOnTour.com Partnership

Prestiti Personali

Con Finatel fino a 50.000 €. Supertasso. Zero Spese. Esito Immediato.

Finanziamenti

Aliprestito ti finanzia subito fino a 75.000 €. Scopri Come!

Inserisci il tuo Link qui!

ITINERARIO NELLE NOVE PROVINCE SICILIANE
Home Page > Le nove Province Siciliane > Itinerari nella Provincia di:
Agrigento Caltanissetta Catania
Messina Palermo Ragusa
Siracusa Trapani    
Enna
:: Itinerari nella Provincia di Trapani
<<< segue

 Parco Archeologico di Segesta

Parco Archeologico di SegestaSegesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo la tradizione antica, proveniva da Troia. La città, fortemente ellenizzata per aspetto e cultura, raggiunse un ruolo di primo piano tra i centri siciliani e nel bacino del mediterraneo, fino al punto di poter coinvolgere nella sua secolare ostilità con Selinunte anche Atene e Cartagine. Distrutta Selinunte grazie all’intervento cartaginese nel 408 a.C., Segesta visse con alterne fortune il periodo successivo, fino ad essere conquistata e distrutta da Agatocle di Siracusa (nel 307 a.C.), che le impose il nome di Diceòpoli, Città della giustizia.

 Parco Archeologico di Selinunte

Parco Archeologico di SelinunteSituata su di una spianata alta circa 30 metri s.l.m., Selinunte prende il nome dal Selinon, il prezzemolo selvatico. Venne fondata da coloni di Megara Hyblaea guidati dall' ecista Pammilos, nel VII secolo a.C. Immigrazioni successive di coloni megaresi sicelioti si ebbero sia negli ultimi decenni del VII sia per tutto il VI secolo fino agli inizi del V. Selinunte tentò di fondare delle colonie nella Sicilia occidentale (Eraclea Minoa). Quando, all'inizio del V secolo divampò la guerra fra Greci di Sicilia e Cartaginesi, che si concluse con la battaglia di Himera nel 480, Selinunte, stranamente, preferì allearsi con Cartagine.

 Castello di Erice

Castello di EriceSe si vogliono rivivere i fasti del Medioevo bisogna salire fin quasi a toccare le nuvole per arrivare a Erice, antico borgo di origine fenicia, dove tutto è rimasto come allora. Considerata l'Assisi del Mezzogiorno, questa città fortificata, situata in vetta al Monte S. Giuliano di fronte al mare di Trapani, è caratterizzata da un cinta muraria triangolare che racchiude nel vertice sud il castello risalente al XII-XIII sec. Sorge su un'area dove in epoca romana c'era un tempio dedicato al culto di Venere Ercina, dea dell'amore e della fertilità.

 La tonnara di Scopello

La tonnara di Scopello (Trapani)Un lembo di terra alto e frastagliato che si affaccia sull'acqua di colore azzurro intenso situato a circa un'ora di macchina da Palermo. Qui nelle baie si nascondono solitarie strisce di sabbia e di ciottoli spesso raggiungibili solo via mare. In questo paradiso naturale si trova il borgo marinaro di Scopello, piccolo ma ricco di tradizioni. Un luogo che ha saputo conservarsi nel tempo: qualche casa, il baglio, una chiesa i faraglioni e la tonnara. Quest'ultima, una delle più antiche dell'isola ormai in disuso, è la testimonianza di un'attività un tempo fiorente.

 La tonnara di Favignana

La tonnara di Favignana (Trapani)Sotto i pinnacoli di tufo di Calarossa simili a guglie di castelli, si consumò la prima guerra punica. Ma l'isola di Favignana è divenuta importante per un altro motivo: la pesca del tonno, già praticata dai Fenici ma ritualizzata dagli Arabi nella maniera in cui è conosciuta oggi. Un cerimoniale fatto di canti propiziatori e di tempi ritmici scandito dalla voce del Rais, il capo della tonnara. Per la fortunata posizione l'isola è lambita da correnti marine dove i tonni trovano le condizioni ideali per riprodursi. Sin dai tempi più antichi un ingegnoso sistema di reti conduceva i branchi verso il luogo dove avveniva la mattanza.

 La Via del sale (Marsala - Trapani)

La Via del sale (Marsala - Trapani)Lungo la strada che da Trapani, passando per Paceco conduce a Marsala costeggiando la laguna dello Stagnone che accoglie Mozia, sono visibili montagne dal candore abbagliante che luccicano sotto il sole. Non si tratta di rocce innevate ma delle saline, una delle risorse storiche dell'economia siciliana molto preziosa già al tempo dei Fenici a cui si devono le prime tecnologie di produzione. Le circostanze climatiche favorevoli quali acque basse, temperatura elevata e vento, contribuiscono a creare lo scenario suggestivo ed irreale dalle saline, formando un'immensa scacchiera dalle colorazioni che dal verdastro tendono al rosa.

 
 

Home Page | Partnership | Scambio Links | Contattaci | English Version | SEO-Map