SicilyOnTour.com - Itinerari alla Scoperta della Sicilia

pixel
  SicilyOnTour.com Home Page Tutti gli Itinerari di SicilyOnTour.com Contattaci  

SicilyOnTour.com Italian Version of WebSite

SicilyOnTour.com English Version of WebSite

 
 

 

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

 
 
Home Page Castelli Medievali Parchi Letterari Arti e Tradizioni Riserve Naturali Parchi Archeologici Tutti gli Itinerari
 
 
Itinerari e Luoghi da Scoprire
  Itinerari nelle Province Siciliane
Agrigento Palermo
Caltanissetta Ragusa
Catania Siracusa
Enna Trapani
Messina
   Principali Itinerari Turistici Siciliani

Itinerario dei Castelli Medievali di Sicilia

Nati per difendere, oggi fortezze che conquistano con la loro bellezza...

Itinerario dei Parchi Letterari di Sicilia

La magia della Sicilia nelle pagine dei siciliani...

Itinerario delle Arti e Tradizioni Popolari

Scrigni preziosi per conservare profonde radici...

Itinerario Naturalistico, Parchi e Riserve

Là, dove gli Dei vivevano aggirandosi come uomini...

Itinerario Storico Archeologico

Qui la storia millenaria dell'isola sembra parlare direttamente...

Tutti gli Itinerari >>

SicilyOnTour.com Partnership

Prestiti Personali

Con Finatel fino a 50.000 €. Supertasso. Zero Spese. Esito Immediato.

Finanziamenti

Aliprestito ti finanzia subito fino a 75.000 €. Scopri Come!

Inserisci il tuo Link qui!

ITINERARIO NELLE NOVE PROVINCE SICILIANE
Home Page > Le nove Province Siciliane > Itinerari nella Provincia di:
Agrigento Caltanissetta Catania
Messina Palermo Ragusa
Siracusa Trapani    
Enna
:: Itinerario Naturalistico nella Provincia di Catania

Parchi e Riserve del Catanese

 


IL PARCO DELL'ETNALa bellezza del Parco dell'Etna non sta solo nella grandiosità delle eruzioni e nelle colate incandescenti. Attorno al grande vulcano si estende un ambiente unico e impareggiabile, ricco di suoni, profumi e colori.

continua >>>


L'OASI DEL SIMETOIl territorio delimitato come riserva naturale orientata Oasi del Simeto è ciò che rimane di un antico e vasto ecosistema palustre che si estendeva a sud della città di Catania e che comprendeva diverse zone umide.

continua >>>






GIARDINO BOTANICO NUOVA GUSSONEA - RAGALNA

L'Etna vista dal Giardino Nuova Gussonea Il giardino botanico "Nuova Gussonea" è localizzato sul versante meridionale dell’Etna in territorio di Ragalna, all’interno del demanio forestale "Giovanni Saletti". Esteso per oltre dieci ettari, è posto ad un’altitudine compresa tra i 1700 ed i 1750 m circa, in una zona dove la vegetazione a pino laricio entra in contatto con i pulvini di astragalo, tipici dell’alta montagna etnea. Istituito nel 1979 mediante una convenzione fra la Direzione Generale delle Foreste della Regione Siciliana e l’Università degli Studi di Catania, è stato inaugurato nel 1981. La sua denominazione, "Nuova Gussonea", è un omaggio a Giovanni Gussone, studioso della flora sicula, e ricorda l’iniziativa di Fridiano Cavara, che nel 1903 aveva fondato nello stesso luogo il giardino botanico Gussonea, che ebbe breve durata.

La realizzazione del giardino, ancora in corso, è attuata grazie alla collaborazione fra l’Istituto di Biologia ed Ecologia vegetale dell’Università degli Studi e l’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste di Catania.

La peculiarità del giardino, che lo rende unico in Italia ed in Europa, è di ospitare le specie del territorio etneo organizzate in comunità vegetali, così come si trovano in natura, nei diversi piani altitudinali e nelle varie condizioni ambientali presenti sull’Etna.

Il giardino infatti ricrea "in miniatura" il paesaggio vegetale di tutto il vulcano, oltre che particolari ambienti: sono presenti, tra gli altri, una colata lavica, delle cisternazze e delle piccole grotte. In particolare vi si distinguono:

1) la zona delle aiuole, che è quella corrispondente ad un tipico orto botanico, in cui sono ospitate, in circa 200 aiuole, specie significative delle comunità vegetali etnee, disposte lungo settori corrispondenti ai piani altitudinali della vegetazione dell’Etna (dal piano mediterraneo-basale a quello alto-mediterraneo).

2) il vivaio, destinato alla semina, coltivazione e acclimatazione delle piante da mettere a dimora nei diversi settori del giardino. Qui le piante sono collocate in filari in cui sono disposte secondo l’ordine filogenetico. Ciò è particolarmente importante per fini didattici, perché, seguendo l’ordine dei filari, si può seguire l’evoluzione dalle specie più primitive, quali le felci, alle più evolute, quali le composite.

3) un’estesa colata lavica che ospita la vegetazione pioniera. Su tale area sono in corso varie sperimentazioni volte a studiare la colonizzazione delle lave da parte dei vegetali.

Colata lavica con sfondo di pini larici 4) diverse aree boschive, che accolgono boschi di betulla dell’Etna, oltre che di faggio, cerro, roverella, pioppo tremulo, leccio. Il bosco di leccio è presente sia in formazioni pure, sia in formazioni ove il leccio è misto ad acero, frassino, carpino nero e roverella; vi sono presenti anche alcuni esemplari di quercia da sughero. Ciò consente di osservare le associazioni così come si possono trovare sui diversi versanti dell’Etna: infatti ad ogni tipo di bosco è stato associato il sottobosco che si trova in natura.

continua >>>

 
 

Home Page | Partnership | Scambio Links | Contattaci | English Version | SEO-Map