SicilyOnTour.com - Itinerari alla Scoperta della Sicilia

pixel
  SicilyOnTour.com Home Page Tutti gli Itinerari di SicilyOnTour.com Contattaci  

SicilyOnTour.com Italian Version of WebSite

SicilyOnTour.com English Version of WebSite

 
 

 

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

 
 
Home Page Castelli Medievali Parchi Letterari Arti e Tradizioni Riserve Naturali Parchi Archeologici Tutti gli Itinerari
 
 
Itinerari e Luoghi da Scoprire
  Itinerari nelle Province Siciliane
Agrigento Palermo
Caltanissetta Ragusa
Catania Siracusa
Enna Trapani
Messina
   Principali Itinerari Turistici Siciliani

Itinerario dei Castelli Medievali di Sicilia

Nati per difendere, oggi fortezze che conquistano con la loro bellezza...

Itinerario dei Parchi Letterari di Sicilia

La magia della Sicilia nelle pagine dei siciliani...

Itinerario delle Arti e Tradizioni Popolari

Scrigni preziosi per conservare profonde radici...

Itinerario Naturalistico, Parchi e Riserve

Là, dove gli Dei vivevano aggirandosi come uomini...

Itinerario Storico Archeologico

Qui la storia millenaria dell'isola sembra parlare direttamente...

Tutti gli Itinerari >>

SicilyOnTour.com Partnership

Prestiti Personali

Con Finatel fino a 50.000 €. Supertasso. Zero Spese. Esito Immediato.

Finanziamenti

Aliprestito ti finanzia subito fino a 75.000 €. Scopri Come!

Inserisci il tuo Link qui!

ITINERARIO NELLE NOVE PROVINCE SICILIANE
Home Page > Le nove Province Siciliane > Itinerari nella Provincia di:
Agrigento Caltanissetta Catania
Messina Palermo Ragusa
Siracusa Trapani    
Enna
:: Itinerario dei Castelli nella Provincia di Caltanissetta

Un'ampia pagina della storia del nisseno è ancora oggi rappresentata, quasi dal vivo, dai castelli e dalle torri di avvistamento medievali che in grande quantità sorgono nel territorio della Provincia. Costruiti prevalentemente in epoca medievale, questi antichi edifici assicuravano ai signori feudali del tempo il controllo dell'area centro meridionale dell'Isola. Il territorio nisseno infatti rappresentava una sorta di parete divisoria tra la Sicilia occidentale e quella orientale, limite questo che coincideva pressapoco con l'andamento del fiume Imera Meridionale. In genere queste costruzioni fungevano da vere e proprie torri di avvistamento e in esse erano stanziate molto spesso guarnigioni di soldati. Nell'estrema punta nord-occidentale della Provincia, a pochissimi chilometri da Mussomeli, si erge maestoso sopra un promontorio calcareo il Castello Manfredonico, edificato nel 1370 per volere di Manfredi III Chiaramonte.

Si tratta di uno dei pochi castelli meglio conservati della Provincia nissena. Al suo interno si susseguono maestosi archi decorati, spesse mura merlate, ampie stanze e larghe finestre bifore. Scendendo verso sud-est e fermandosi a Caltanissetta si può ammirare la torre del Castello di Pietrarossa. Di origine araba, il Castello comprendeva in origine tre torri di avvistamento e il suo nome probabilmente derivò dal colore dei mattoni che costituivano le torri stesse. I Normanni, cacciati gli Arabi, vi si stabilirono intorno al 1150; successivamente il Castello passò sotto il dominio degli Angioini e degli Aragonesi. Proprio sotto questi ultimi raggiunse il massimo splendore, venendo scelto come sede di vari convegni tra importanti personaggi politici della Sicilia del tempo.

Nel 1407 il Castello venne concesso ai Moncada, ricchi signori di Caltanissetta, nelle cui mani rimase fino alla soppressione del feudalesimo. Nel febbraio del 1567, infine, l'edificio crollò in seguito ad una scossa di terremoto. Della costruzione originaria oggi rimane soltanto una torre di avvistamento, arroccata in cima ad uno spigoloso rilievo calcareo.

Altrettanto suggestivo è il Castello di Delia (o Castellaccio), che dominava in passato la vecchia strada di collegamento fra Catania e Agrigento. Il Castello fu edificato intorno all'XI secolo e nel corso della guerra del Vespro fu al centro di un'aspra contesa fra Aragonesi e Angioini. Procedendo verso sud-est si arriva a Mazzarino, dove è possibile ammirare due fortezze: il Castello Grassuliato e il Castello "U Cannuni", dalla suggestiva forma oblunga simile, come suggerisce lo stesso nome dialettale, a quella di un cannone. Ancora verso sud si incontra il Castello Normanno di Butera, dalle suggestive e spesse mura merlate, mentre giunti in prossimità di Gela, su un singolare spuntone di rocce gessose, si erge il Castelluccio risalente al 1143 e avente una funzione difensiva.

Di grande interesse storico è anche il Castello di Gela, che insieme alla cinta muraria della città, già intorno al 1230, costituiva l'unico presidio militare della costa che aveva funzioni di avvistamento e di difensa contro le scorrerie dei pirati saraceni.

In genere, per tutto il medioevo, i castelli e le fortezze della costa avevano essenzialmente la funzione di vigilare sulle possibili insidie che arrivavano dal mare. A questo scopo era adibita ad esempio la Torre di Manfria, dalla quale era possibile vigilare sul litorale costiero in direzione di Licata.

Originariamente anche il Castello di Falconara era una torre di avvistamento. L'edificio, che sorge sulla costa a ovest di Gela, nel corso dei secoli ha subito una serie di abbellimenti e di ingrandimenti che gli conferiscono l'aspetto di un vero e proprio castello medievale. Per la sua amena posizione il Castello di Falconara rappresenta certamente uno dei manieri più belli della Provincia nissena. Nei primi dell'800 l'edificio passò sotto la proprietà del conte tedesco Giorgio Wilding, il quale aggiunse alla costruzione originaria una nuova ala, un salone e un grande terrazzo a picco sul mare. In seguito il Castello passò ai Chiaramonte, che arricchirono le stanze di pregevoli quadri, ceramiche preziose e mobili antichi.

I Castelli nella Provincia di Caltanissetta

Castello Manfredonico

 

Castello di Delia

(o Castellaccio)

Castello di Falconara

 

 
 

Home Page | Partnership | Scambio Links | Contattaci | English Version | SEO-Map