SicilyOnTour.com - Itinerari alla Scoperta della Sicilia

pixel
  SicilyOnTour.com Home Page Tutti gli Itinerari di SicilyOnTour.com Contattaci  

SicilyOnTour.com Italian Version of WebSite

SicilyOnTour.com English Version of WebSite

 
 

 

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

 
 
Home Page Castelli Medievali Parchi Letterari Arti e Tradizioni Riserve Naturali Parchi Archeologici Tutti gli Itinerari
 
 
Itinerari e Luoghi da Scoprire
  Itinerari nelle Province Siciliane
Agrigento Palermo
Caltanissetta Ragusa
Catania Siracusa
Enna Trapani
Messina
   Principali Itinerari Turistici Siciliani

Itinerario dei Castelli Medievali di Sicilia

Nati per difendere, oggi fortezze che conquistano con la loro bellezza...

Itinerario dei Parchi Letterari di Sicilia

La magia della Sicilia nelle pagine dei siciliani...

Itinerario delle Arti e Tradizioni Popolari

Scrigni preziosi per conservare profonde radici...

Itinerario Naturalistico, Parchi e Riserve

Là, dove gli Dei vivevano aggirandosi come uomini...

Itinerario Storico Archeologico

Qui la storia millenaria dell'isola sembra parlare direttamente...

Tutti gli Itinerari >>

SicilyOnTour.com Partnership

Prestiti Personali

Con Finatel fino a 50.000 €. Supertasso. Zero Spese. Esito Immediato.

Finanziamenti

Aliprestito ti finanzia subito fino a 75.000 €. Scopri Come!

Inserisci il tuo Link qui!

ITINERARIO STORICO ARCHEOLOGICO DI SICILIA
Home Page > Siti e Parchi Archeologici > Itinerario:
Villa Romana a Patti Tindari (Tyndaris) Taormina
Leontinoi Chadra e Ossena Necropoli Pantalica
Noto Antica sull’Alveria Cava d'Ispica Camarina
Valle dei Templi Heraclea Minoa Segesta
Naxos
Megara Hyblaea
Villa del Casale
 
:: Tindari (Tyndaris)

L'antica cittadina Tyndaris, l'odierna città di Tindari in provincia di Messina, si caratterizza per la magnifica posizione panoramica, che si estende abbracciando il Golfo di Patti, Capo Milazzo e le Isole Eolie, e per la monumentalità della sua zona archeologica; fu fondata da Dionigi di Siracusa nel 396 A.C. e può contare una discreta storia, a partire dal suo coinvolgimento durante la prima guerra punica come postazione cartaginese e la sua successiva assoggettazione romana nel 257 A.C.. Anche sotto il dominio romano la città conserva sempre la sua evidente importanza determinata dalla sua posizione strategica sul Mar Tirreno e sulle rotte che interessano lo Stretto di Messina. La città conobbe anche le incursioni barbariche e sotto Teodorico, re degli Ostrogoti, la città conobbe un buon periodo di splendore. Sotto il dominio bizantino la città divenne inizialmente sede vescovile.

L'incursione araba in Sicilia iniziò nell'827, fatto storico che determinò la distruzione della città di Tyndaris e la conseguente fuga dei suoi abitanti, ripetizione di eventi passati che contribuiscono alla creazione della già citata città di Patti. Inizialmente la conquista normanna ignorò tale città, evento che determinò il declino del sito che in passato aveva conosciuto tanta importanza.

Appartengono ad essa opere di grande pregio architettonico come il Teatro Greco, risalente al IV° secolo a.C., la Basilica o Gymnasium ed il Museo, contenente reperti provenienti dagli scavi della città antica. A poca distanza ha sede il Santuario della Madonna Nera (Maria S.S. Del Tindari), celebre luogo di culto nonché meta di incessanti pellegrinaggi. Imponenti sono i resti delle mura ciclopiche, in ottimo stato di conservazione, che ancora oggi costituiscono un raro esempio di perizia tecnica.

Le mura

Lungo la salita che conduce alla sommità di capo Tindari, si costeggiano a tratti le imponenti mura costruite al tempo di Dionisio e rafforzate e sostituite in seguito da un doppio paramento di massi di pietra squadrata. La cinta racchiudeva solo nei punti non difesi naturalmente la città, che aveva una pianta regolare, con tre ampi decumani (le vie principali e parallele) e cardini perpendicolari.

La conformazione del terreno, in salita, facilitava il sistema fognario che correva lungo queste strade secondarie, in pendenza, un piccolo Antiquarium, oltre l'ingresso agli scavi sulla sinistra, espone reperti rinvenuti durante gli scavi.

L'insula romana

Si tratta di un intero quartiere a sud del Decumano Superiore, completo di terme, tabernae, abitazioni ed in particolare di una grande casa patrizia che conserva ancora, nei pavimenti di alcune stanze, resti di mosaici.

La Basilica

E' un bell'edificio ad arcate i cui resti danno un'idea della grandezza originale. Anche se il nome lo designa come il luogo destinato alle assemblee, la sua vera funzione resta incerta: forse un monumentale propileo dell'agorà, lo spiazzo principale della città. Costruito con grandi massi squadrati di pietra arenaria, presentava, sul fronte, cinque archi. Quello centrale, più ampio, costituiva l'accesso ad un passaggio coperto con volte a botte che fungeva da galleria sulla strada principale.

Il teatro

Raggiunto il Decumano Superiore, a sinistra. Si trova a monte del Decumano Superiore, probabilmente la via principale (sono venuti alla luce solo due decumani). Di origine greca (fine del IV sec. a.C.) fu costruito sfruttando la naturale conformazione del terreno con la cavea rivolta verso il mare e le Eolie. Venne trasformato in epoca imperiale per ospitare i combattimenti tra gladiatori.

Come raggiungerla

AREA ARCHEOLOGICA TINDARI
Tel. 0941369023

Aperta tutti i giorni dalle ore 9 a un'ora prima del tramonto

 

 

continua >>>

 
 

Home Page | Partnership | Scambio Links | Contattaci | English Version | SEO-Map