SicilyOnTour.com - Itinerari alla Scoperta della Sicilia

pixel
  SicilyOnTour.com Home Page Tutti gli Itinerari di SicilyOnTour.com Contattaci  

SicilyOnTour.com Italian Version of WebSite

SicilyOnTour.com English Version of WebSite

 
 

 

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

 
 
Home Page Castelli Medievali Parchi Letterari Arti e Tradizioni Riserve Naturali Parchi Archeologici Tutti gli Itinerari
 
 
Itinerari e Luoghi da Scoprire
  Itinerari nelle Province Siciliane
Agrigento Palermo
Caltanissetta Ragusa
Catania Siracusa
Enna Trapani
Messina
   Principali Itinerari Turistici Siciliani

Itinerario dei Castelli Medievali di Sicilia

Nati per difendere, oggi fortezze che conquistano con la loro bellezza...

Itinerario dei Parchi Letterari di Sicilia

La magia della Sicilia nelle pagine dei siciliani...

Itinerario delle Arti e Tradizioni Popolari

Scrigni preziosi per conservare profonde radici...

Itinerario Naturalistico, Parchi e Riserve

Là, dove gli Dei vivevano aggirandosi come uomini...

Itinerario Storico Archeologico

Qui la storia millenaria dell'isola sembra parlare direttamente...

Tutti gli Itinerari >>

SicilyOnTour.com Partnership

Prestiti Personali

Con Finatel fino a 50.000 €. Supertasso. Zero Spese. Esito Immediato.

Vacanze in Puglia

Turismo in Puglia, Itinerari Turistici e Hotel nel Salento.

Finanziamenti

Aliprestito ti finanzia subito fino a 75.000 €. Scopri Come!

Inserisci il tuo Link qui!

ITINERARIO STORICO ARCHEOLOGICO DI SICILIA
Home Page > Siti e Parchi Archeologici > Itinerario:
Villa Romana a Patti Tindari (Tyndaris) Taormina
Leontinoi Chadra e Ossena Necropoli Pantalica
Noto Antica sull’Alveria Cava d'Ispica Camarina
Valle dei Templi Heraclea Minoa Segesta
Naxos
Megara Hyblaea
Villa del Casale
 
:: Parco Archeologico di Giardini Naxos

<<< segue

Le prime coniazioni di monete d'argento della zecca di Naxos risalgono alla fine del VI sec. a. C. e costituiscono il segno tangibile di una società ormai ricca, evoluta, e dalla struttura complessa. Tra le più antiche della Sicilia, sono caratterizzate sul dritto dalla testa di Dioniso e sul rovescio da un grappolo d'uva.

Le esplorazioni archeologiche scoprono e distinguono un secondo impianto urbano improntato ad una rigorosa divisione geometrica dello spazio.

Tre assi viari attraversano la città in senso est-ovest che, scanditi ad intervalli regolari da una serie di incroci con arterie nord-sud, determinano nella zona centrale isolati molto allungati di forma rettangolare.

Basi quadrangolari di dimensioni identiche si ripetono ad ogni incrocio mantenendo sempre la stessa posizione ed assolvendo forse alla funzione di altare.

In età classica la zecca di Naxos conia monete d'argento di eccellente livello artistico. Raffigurano sul dritto ancora la testa di Dioniso, mentre sul rovescio un Sileno acconciato sostituisce il grappolo d'uva.

Museo Archeologico

Situato quasi all'estremità della penisola di Schisò, addossato ai resti del piccolo fortilizio del XVII-XVIII sec., il Museo Archeologico di Naxos raccoglie principalmente reperti archeologici rinvenuti nelle recenti campagne di scavo condotte nell'area dell'antica colonia. Al piano terra sono in esposizione materiali di età preistorica che documentano la frequentazione dell'antico sito urbano a partire dal neolitico. Vasi e frammenti corinzi tardo-geometrici (fine dell' VIII secolo a.C.) accanto a numerosi altri di fabbricazione e di imitazione euboica documentano l'alta antichità della colonia e le sue origini.

Al secondo piano sono illustrate le fasi di vita della città a partire dal VII sino a tutto il V secolo a.C..

Appaiono qui in esposizione vasi, ma anche arule e statuette, oggetti legati tutti alla cultura materiale così come strumenti di uso corrente quali lucerne e pesi da telaio. Statuette raffiguranti una dea in trono, protomi femminili insieme con altri ex-voto e con esemplari di antefisse a maschera silenica e con lastre policrome di rivestimento architettonico attestano il fiorire di santuari e aree cultuali nel corso del VI secolo a.C..

Agli oggetti appartenenti a corredi funerari da tombe sia di età arcaica che classica ed ellenistica sono dedicate alcune vetrine al piano inferiore e superiore.

Oggetti infine attribuibili ad età romana e bizantina testimoniano il sopravvivere dell’abitato sino alle soglie del medioevo.

L'arula Heidelberg Naxos

L'arula con sfingi affrontate ai lati di un motivo vegetale è un esempio notevole delle produzioni delle officine nassie attive nel VI secolo a.C.. Ancor più interessante è la storia della sua ricomposizione: il frammento maggiore viene comprato a Naxos ed ivi conservato; l'altro è acquistato nel 1904 da un famoso archeologo tedesco, Friederich Von Duhn, ed era custodito presso il Museo dell'Università di Heidelberg.

Nel 1985, Paola Pelagatti scopre che i due frammenti appartengono ad una stessa àrula, ma solo nel 1997, il frammento di Heidelberg viene ceduto al Museo di Naxos, permettendo la ricomposizione dell'àrula.

 

continua >>>

 
 

Copyright 2006 © Design & Construction All Rights Reserved by SicilyOnTour.com

SicilyOnTour.com non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile del loro contenuto.

Questo sito non è da considerarsi testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non è da considerarsi prodotto editoriale soggetto all'Art. 1, comma III della Legge 07.03.2001, n. 62.

Alcune delle informazioni e/o immagini contenute in questo sito sono state prelevate dalla rete, se riconoscete un documento di vostra proprietà non esitate a contattarci per richiedere il legittimo riconoscimento.


Home Page | Partnership | Scambio Links | Contattaci | English Version | SEO-Map

Alexa Traffic Rankings - Overview - Traffic Details - Sites Linking in

SiteMap by Google

ROR Info

Google Page Rank

Page Strength SEO Tool - SEOmoz.org