SicilyOnTour.com - Itinerari alla Scoperta della Sicilia

pixel
  SicilyOnTour.com Home Page Tutti gli Itinerari di SicilyOnTour.com Contattaci  

SicilyOnTour.com Italian Version of WebSite

SicilyOnTour.com English Version of WebSite

 
 

 

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

 
 
Home Page Castelli Medievali Parchi Letterari Arti e Tradizioni Riserve Naturali Parchi Archeologici Tutti gli Itinerari
 
 
Itinerari e Luoghi da Scoprire
  Itinerari nelle Province Siciliane
Agrigento Palermo
Caltanissetta Ragusa
Catania Siracusa
Enna Trapani
Messina
   Principali Itinerari Turistici Siciliani

Itinerario dei Castelli Medievali di Sicilia

Nati per difendere, oggi fortezze che conquistano con la loro bellezza...

Itinerario dei Parchi Letterari di Sicilia

La magia della Sicilia nelle pagine dei siciliani...

Itinerario delle Arti e Tradizioni Popolari

Scrigni preziosi per conservare profonde radici...

Itinerario Naturalistico, Parchi e Riserve

Là, dove gli Dei vivevano aggirandosi come uomini...

Itinerario Storico Archeologico

Qui la storia millenaria dell'isola sembra parlare direttamente...

Tutti gli Itinerari >>

SicilyOnTour.com Partnership

Prestiti Personali

Con Finatel fino a 50.000 €. Supertasso. Zero Spese. Esito Immediato.

Finanziamenti

Aliprestito ti finanzia subito fino a 75.000 €. Scopri Come!

Inserisci il tuo Link qui!

ITINERARIO STORICO ARCHEOLOGICO DI SICILIA
Home Page > Siti e Parchi Archeologici > Itinerario:
Villa Romana a Patti Tindari (Tyndaris) Taormina
Leontinoi Chadra e Ossena Necropoli Pantalica
Noto Antica sull’Alveria Cava d'Ispica Camarina
Valle dei Templi Heraclea Minoa Segesta
Naxos
Megara Hyblaea
Villa del Casale
 
:: Parco Archeologico di Camarina

Sul litorale ibleo, a pochi chilometri da Santa Croce Camerina, sorge Camarina (o Kamarina): area archeologica, interessante anche dal punto di vista paesaggistico; le rovine abitano, infatti, un tratto di costa noto come Baia dei Coralli ed estesa per oltre 600 metri tra due promontori che ne fecero uno dei porti più attivi nel periodo normanno. La fondazione della nobile città greca di Camarina, che occupa un promontorio di modesta altezza, tra le foci sabbiose dell’Ippari a nord e del ruscello Rifriscolaro a sud (l’antico Oanis), va ricercata nella notte dei tempi.

Secondo Tucidide, autore del V secolo a.C., Camarina fu fondata da Siracusa nel 598 a.C., sotto la guida degli ecisti Dascone e Menecolo.

La città conobbe nell’arco della sua non lunga esistenza varie distruzioni e saccheggi, anche da parte dei Siracusani, contro i quali si ribellò nel 553-552 a.C. Tucidide ci parla di due ricostruzioni della città: una ad opera di Ippocrate, signore di Gela, nel 492 a.C.; l’altra ad opera di un contingente di Geloi intorno al 460 a.C. Dopo un periodo di massimo splendore, la città greca, sgombrata dagli abitanti, nel 405 a.C.

venne rasa al suolo da parte dei Cartaginesi. Nel 339 a.C. fu ulteriormente demolita e ripopolata da Timoleonte, come si legge in Diodoro, dal quale apprendiamo anche che nel 275 a.C. venne presa dai Mamertini. Nel 258 a.C. infine fu presa e distrutta dai Romani. Che cosa resta, oggi, di Camarina?

Nel punto più alto della collina, sono visibili i pochi “avanzi” del Tempio di Athena, la cui esplorazione è stata effettuata da Orsi e dalla Pelagatti ma nuove indagini sono state svolte nel 1980 e nel 1987. Esattamente, oggi, di questo principale santuario della città rimangono i tagli di fondazione nella roccia, un tratto del muro sud della cella nel cortile e l’angolo nord-est all’interno del Museo. Situata all’estremità sud-occidentale della collina, fra il tempio di Atena Poliade ed il porto, si estende l’agorà, i cui scavi non sono stati del tutto portati a termine. Risalgono all’età repubblicana i resti della “Casa dell’altare”, così detta per la struttura sacra posta al centro del cortile, attorno al quale sono disposti vari ambienti.

Continuando questo nostro viaggio attraverso i resti monumentali, che si ergono a testimonianza delle travagliate vicende storiche della città, vanno ricordate, sicuramente, la “Casa dell’iscrizione” sulle pendici meridionali della collina di Eracle e la “Casa del mercante”, da cui provengono alcuni pesi ed uno strumento di misura in bronzo.

Quanto alla cinta difensiva, certamente, la parte meglio conservata è il tratto meridionale delle mura di fortificazione della città, al di sotto della collina di Eracle.

Dagli scavi e dalle ricerche sono stati riportati alla luce anche le necropoli camarinesi, fra le quali non si può non menzionare quella di “Passo marinaro”, le cui tombe sono databili tra la metà del secolo V ed il 258 a.C.

Il materiale qui rinvenuto è conservato nel Museo Archeologico di Ragusa e di Siracusa. A Cammanara ha invece sede un Antiquarium ove sono custoditi resti delle zone circostanti.

L'insieme dei ritrovamenti ha reso possibile la ricostruzione dell'impianto della città, che doveva essere tra i più begli esempi di urbanistica del IV sec. a.C.

Museo Archeologico Regionale di Camarina

La sede museale è una costruzione rurale di fine ottocento, esempio significativo di una tipologia residenziale agricola molto diffusa nella fascia costiera iblea. L'edificio, che si articola in diversi corpi di fabbrica organizzati attorno ad uno spazio centrale aperto su due lati verso la campagna, insiste nel sito dell'acropoli dove sorgeva il tempio di Athena, i cui resti sono ancora visibili all'interno di uno degli ambienti del museo.

Il museo illustra la storia politica, civile ed economica della città di Kamarina, lo sviluppo urbanistico, i più importanti monumenti e la produzione materiale ed artistica.

Tutto il materiale archeologico esposto è frutto di ricerche archeologiche condotte dalla Soprintendenza di Siracusa che hanno interessato tanto l'area della città quanto la necropoli. L'ordinamento è cronologico, ad eccezione che per i materiali di provenienza subacquea.

continua >>>

 
 

Home Page | Partnership | Scambio Links | Contattaci | English Version | SEO-Map